TERRE ALFIERI D.O.C.

Vitigno piemontese originario del Roero, diffuso oltre ce nella regione originaria, anche in Liguria e Sardegna. Le prime citazioni che lo riguardano risalirebbero alla seconda metà del XIX secolo, indicato coi nomi Bianchetta o Nebbiolo Bianco.

La zona di produzione delle uve atte a produrre vini a denominazione d’origine controllata”TerreAlfieri” comprende l’intero territorio dei comuni di: Antignano, Celle Enomondo, Cisterna d’Asti, Revigliasco, San Damiano, San Martino Alfieri, Tigliole in provincia di Asti e parte dei comuni di Castellinaldo, Govone, Magliano Alfieri e Priocca in provincia di Cuneo.

La Denominazione di Origine Controllata “Terre Alfieri” è riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti prescritti:

  • Terre Alfieri Arnei, riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione: ampleografica vitigno Arneis dall’ 85% al 100%
  • Terre Alfieri Nebbiolo riservata al vino ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti, nell’ambito aziendale, la seguente composizione: ampleografica vitigno Nebbiolo dall’ 85% al 100%

Le condizioni di cultura dei vigneti devono rispondere a tali requisiti:

  • terreni: argillosi-calcarei-sabbiosi e loro eventuali combinazioni
  • giacitura: esclusivamente collinare
  • altitudine: non inferiore a 130mt slm, e non superiore a 350mt slm
  • esposizione: adatta ad assicurare un’idonea maturazione delle uve
  • densità d’impianto: quelle generalmente usate in funzione delle caratteristiche peculiari delle uve e dei vini

 

scopri la nostra selezione di Terre Alfieri Briccobruna” e Moschetto